Recensione Tecnofront Torpedo

tecnofrontct_lab
Dopo un periodo di stop la Tecnofront torna alla carica proponendo una nuova vaschetta per impianti di raffreddamento a liquido dal design tubolare, che tanto ci ricorda il passato e grazie al quale questa azienda italiana è ora conosciuta anche oltreoceano. Dopo aver presentato i suoi ultimi due prodotti qui recensiti all'inizio dell'estate 2010, ovvero le vaschette Challenge X1 e X2, si avvera ad Aprile 2011 l'intuizione avuta nell'introduzione della recensione delle Challenge: una nuova vaschetta che riesca a fare tesoro del passato e ad aggiornarsi nel presente, conciliando i due aspetti nel ritorno alla forma tubolare. Tutto questo è reso possibile grazie a questo nuovo prodotto chiamato Torpedo, che sarà l'oggetto di questa recensione.

copertina_tecnofront_torpedo


Dal sito del produttore riportiamo le principali caratteristiche teniche della Torpedo:

Tecnofron Torpedo

- Realizzata in delrin nero
- Lavorazione a CNC
- Montaggio verticale
-
Filetto tappi e raccordi da 1/4"G
- Raccordi da 3/8" - 1/4"G
- Corpo centrale in acrilico azzurrato
- Tappo ermetico a scomparsa totale
- Altezza di 150mm e diametro di 50mm

dimensioni_tecnofront_torpedo


La presentazione della Torpedo è classica, come Tecnofront ci ha abituato: abbiamo una confezione spartana in cartone avvolta da una pellicola in plastica trasparente e sopra la quale è attaccata un'etichetta che contiene il nome della vaschetta, una breve descrizione generale del prodotto, la tipologia dei raccordi contenuti nel bundle e il logo Tecnofront insieme al proprio sito.

 

 

presentazione_tecnofront_torpedo

All'interno della confezione in cartone troviamo la vaschetta e il bundle protetti in un'unica pellicola trasparente. Rimossa la pellicola ci troviamo di fronte alla vaschetta vera e propria già montata con i due supporti, due raccordi con oring da 1/4"G di filetto e per tubo da 3/8" ID avvolti anche loro in pellicola e un foglietto che ci indica alcune norme da seguire per il corretto funzionamento della vaschetta.

bundle_1_tecnofront_torpedo

bundle_2_tecnofront_torpedo

bundle_3_tecnofront_torpedo

foglio_istruzioni_tecnofront_torpedo

Manca nel bundle della viteria per il montaggio dei supporti all'interno del proprio case, banchetto o qualsiasi altra struttura dedicata al proprio impianto a liquido. Il bundle risulta quindi essenziale. Il foglietto illustrativo ci spiega che:

- E' consigliabile verificare la tenuta della vaschetta testandola per almeno 4 ore fuori dal proprio case
- E' vietato l'uso di alcohol per qualsiasi scopo
- Per serrare i raccordi in bundle alla vaschetta è sufficiente la sola forza delle mani, non è necessario l'utilizzo di una pinza (che rovinerebbe i raccordi)


Esaminiamo meglio la Torpedo. La vaschetta è accompagnata da due supporti in delrin nero che si serrano a scatto sul top e sul bottom della Torpedo. L'impressione è che questi supporti siano abbastanza solidi da sopportare nel tempo ripetuti montaggi/smontaggi, a differenza di altri supporti, soprattutto in plexiglass, di prodotti concorrenti che con il tempo dimostrano tutta la loro debolezza. Ogni supporto ha un'asta centrale lunga circa 75mm alle cui estremità troviamo due fori da 4,5mm utilizzati per fissare il supporto stesso attraverso l'utilizzo di due viti generiche (a scelta dell'utente in base alle sue esigenze). Si ricorda infine che il montaggio è verticale, quindi la vaschetta è progettata per funzionare in posizione verticale.

supporti_tecnofront_torpedo

Tolti i supporti possiamo apprezzare meglio il corpo della vaschetta vero e proprio, che dimostra subito di essere estremamente solido e ben rifinito. Davvero ottima quindi la lavorazione a CNC eseguita su questo prodotto, caratteristica abituale dei prodotti marchiati Tecnofront.

panoramica_tecnofront_torpedo

La vaschetta è composta da 3 componenti avvitati tra loro: il top e il bottom sono realizzati in delrin nero mentre il corpo centrale tubolare è realizzato in acrilico azzurrato. Le filettature dei 3 componenti sono realizzate e studiate in modo tale da avvitarsi scomparendo all'interno della vaschetta. Esternamente quindi non vediamo le filettature e l'estetica del prodotto ne guadagna decisamente. Sul bottom della Torpedo troviamo le due connessioni da 1/4"G che consentono l'ingresso e l'uscita del liquido dalla vaschetta, che non presenta un'ingresso obbligatorio: l'utente può scegliere indipendentemente quale connessione utilizzare come ingresso e quale come uscita.

bottom_esterno_tecnofront_torpedo

Sul top della Torpedo troviamo il tappo ermetico a scomparsa totale che consente il riempimento della vaschetta stessa, anch'esso con filetto da 1/4"G. La realizzazione della connessione utilizzata per il riempimento della vaschetta include anche la classica svasatura ormai adottata da Tecnofront che consente di raccogliere l'acqua in eccesso in fase di riempimento.

top_esterno_tecnofront_torpedo

Smontati i 3 componenti possiamo analizzare la struttura interna della vaschetta, che risulta in realtà abbastanza semplice.

componenti_tecnofront_torpedo

Il bottom presenta un diametro esterno di 55,84mm, un diametro interno di 48,62mm ed ha un'altezza di 40,66mm. Esternamente, come abbiamo già potuto vedere, presenta una scanalatura che consente il serraggio a scatto del supporto, mentre internamente troviamo i due fori di ingresso/uscita, la filettatura che consente il serraggio a scomparsa del corpo centrale e un oring da 41mm di diametro che assicura la tenuta complessiva della Torpedo tra base e centro. Sulla base sono anche visibili i segni della lavorazione a CNC.

bottom_interno_tecnofront_torpedo

Il top presenta un diametro esterno di 55,87mm, un diametro interno di 48,62mm e ha un'altezza di 40,66mm. Così come il bottom, il top presenta esternamente la scanalatura per il montaggio del supporto e internamente sia l'oring da 41mm di diametro per assicurare la tenuta complessiva della Torpedo tra top e centro sia la filettatura che consente al corpo centrale di avvitarsi sul top stesso. Invece delle due connessioni da 1/4"G troviamo invece il deflettore di flusso lenticolare: questo deflettore presenta una forma a "fungo" da 35,85mm di diametro e consente di disaccoppiare il flusso dell'acqua dall'aria. E' collocato alla stessa altezza della fine della filettatura del top e quindi è abbastanza nascosto alla vista dall'esterno, inoltre essendo collocato in alto consente al corpo centrale della vaschetta di essere libero da paratie interne che dividono i flussi di ingresso ed uscita del liquido. Sotto al deflettore troviamo anche il foro che consente il riempimento della Torpedo.

top_interno_tecnofront_torpedo

Il corpo centrale della vaschetta è costituito da un cilindro di acrilico azzurrato che presenta un diametro esterno di 49,73mm, un diametro interno di 40,24mm e ha un'altezza di 99,60mm. Lo spessore è invece pari a  ben 4,9mm, misura questa che conferma l'impressione di solidità avuta inizialmente sulla Torpedo.

corpo_centrale_tecnofront_torpedo

Il funzionamento della vaschetta è elementare: l'acqua entra da una qualsiasi connessione scelta come ingresso e fluisce immediatamente verso l'uscita attraverso la seconda connessione, mentre l'aria in ingresso guadagna l'uscita verso la parte alta della vaschetta attraverso il deflettore di flusso.

funzionamento_gif_tecnofront_torpedo

 


 

La vaschetta è stata testata seguendo la solita metodologia di test corrispondente. Sempre medesimo il loop, composto dalla PD31, il flussimetro e la vaschetta in esame. In primis è stato analizzato il comportamento della Torpedo in fase di riempimento, documentato dal video sottostante.

Nelle prime fasi di riempimento, dopo aver avviato a dovere la PD31 che aveva il tubo in ingresso completamente a secco, si può vedere, con la Torpedo riempita molto poco, la "turbolenza" interna generata dal flusso dell'acqua in ingresso che immediatamente guadagna l'uscita. Con la pompa a regime, appena riempiamo la vaschetta iniziamo a vedere il turbine interno delle bolle d'aria creato dai flussi interni alla vaschetta: si ricorda infatti che i flussi di ingresso ed uscita sono facilmente comunicanti dato che non esiste nessuna barriera che li divida. Riempita fino all'orlo la Torpedo, spegnendo la pompa vediamo scomparire in un attimo e in solo colpo gran parte delle bolle d'aria interne, che guadagnano l'uscita verso l'alto attraverso il deflettore di flusso. Con successivi start/stop della pompa si è cercato di eliminare tutte le bolle e microbolle ancora presenti nella Torpedo, ma alcune di queste bolle rimangono comunque all'interno della vaschetta e più precisamente ancorate al deflettore di flusso. Portata nuovamente a regime la PD31, si è analizzato il comportamento interno della vaschetta alle diverse portate: ad 1,5GPM, le bolle presenti sotto al deflettore di flusso iniziano a vagare all'interno della vaschetta: alcune di queste riescono a guadagnare l'uscita in alto, altre no o perchè sono troppo grosse e non riescono a passare attraverso il deflettore o perchè la turbolenza interna è troppo elevata e non riescono a salire più di tanto. Abbassando la portata ad 1GPM le cose vanno decisamente meglio: tutte le bolle e le microbolle interne riescono a guadagnare l'uscita verso l'alto. La torpedo più quindi essere utilizzata anche fino a 1,5GPM, ma se ne consiglia l'utilizzo a portate leggermente più basse (fino ai 300 lt/h circa il funzionamento è perfetto).

Successivamente è stato effettuato il consueto test della portata ed i risultati ottenuti sono stati i seguenti.

tabella_portata_test_1_tecnofront_torpedo

tabella_portata_test_2_tecnofront_torpedo

tabella_portata_average_tecnofront_torpedo

I dati rilevati hanno portata alla costruzione della seguente curva caratteristica.

PSI --> GPM

grafico_portata_psi-gpm_tecnofront_torpedo

PSI --> LPH

grafico_portata_psi-lph_tecnofront_torpedo

kPa --> GPM

grafico_portata_kpa-gpm_tecnofront_torpedo

kPa --> LPH

grafico_portata_kpa-lph_tecnofront_torpedo

Infine abbiamo comparato i risultati ottenuti dalla Torpedo a quelli delle vaschette testate nel lab fino a questo momento.

PSI --> LPH

comparativa_portata_psi-lph_tecnofront_torpedo

kPa --> LPH

comparativa_portata_kpa-lph_tecnofront_torpedo

I grafici evidenziano come, nonostante si parli di componenti estremamente poco restrittivi quali sono le vaschette, la Torpedo si classifica come la vaschetta meno restrittiva finora testata, segnando dei valori molto vicini alla Tecnofront iTrap.


 

Analizziamo il tutto. Con questo prodotto, Tecnofront ritorna alle origini ed aggiorna il suo concetto di vaschetta tubolare. La torpedo eredita tutti i passi in avanti fatti da questa azienda e, a fronte della solita presentazione e bundle essenziale, abbiamo un materiale di prima qualità lavorato in modo eccellente da cui prende forma un prodotto privo di qualsiasi difetto e dall'ottima robustezza. Il prodotto in sè è molto semplice, poco sofisticato, e dotato di precise ed essenziali funzionalità: solidi supporti in delrin con serraggio a scatto, facile manutenzione del prodotto assicurata da una composizione dei singoli componenti rapida e nascosta allo stesso tempo, indipendenza della connessione per l'ingresso del liquido, deflettore di flusso funzionale e praticamente nascosto, svasatura del foro di riempimento per un refill sicuro. Aspetti questo che conferiscono al prodotto un'estetica sobria ed elegante.
Per quanto riguarda l'analisi sul campo, la Torpedo ha dimostrato di essere un prodotto discretamente valido in termini di eliminazione dell'aria dal loop, messo in crisi soltanto a portate di un certo calibro. Per quanto riguarda la restrittività, i valori registrati sono stati veramente bassi, tanto da risultare la vaschetta meno restrittiva finora testata nel lab. Il prezzo delle Challenge si attesta sui 31,90€ e risulta in linea con la concorrenza.

Nome prodotto PRO CONTRO Eventuali Award
Tecnofront Torpedo

+ Ottimi materiali e perfetta lavorazione
+ Estetica essenziale ma ben curata
+ Efficiente sistema di montaggio/smontaggio a scomparasa
+ Supporti solidi e a scatto
+ Foro di riempimento con svasatura
+ Possibilità di scelta del foro di ingresso
+ Deflettore di flusso nascosto
+ Discretamente efficiente nello smaltire l'aria
+ Restrittività bassissima, da primato attuale

- Funzionamento migliorabile ad alte portate ct_high_performancect_silver_technical

Si ringrazia la Tecnofront nella persona di Marco per la gentile concessione delle vaschette.

Commenti sul forum.