Recensione Phobya Balancer 250 Black Nickel e 150 Silver Nickel

Phobyact lab

Il settore delle vaschette tubolari per sistemi di raffreddamento a liquido è uno dei più antichi e ormai consolidati, vuoi per una facilità di installazione (visto che si sviluppano in altezza come i più comuni case) o per una capacità normalmente efficace nello smaltimento dell'aria all'interno del proprio loop.
Con il passare del tempo la varietà di questo tipo di vaschette è cresciuta molto, specializzandosi a seconda delle esigenze e delle richieste degli utenti finali: sono state rese disponibili quindi sia vaschette con la capacità sempre più affinata di smaltire l'aria dall'impianto (grazie agli anti-vortici integrati nel bottom) sia vaschette dedicate ai modder più incalliti ricche di predisposizioni per luci ed effetti di ogni sorta, come per le Cape Fuzion Core della Alphacool recensite qualche mese fa.

Anche la Phobya, che come è evidente sta prendendo sempre più piede nel mercato per sistemi di raffreddamento a liquido con i suoi prodotti dall'ottimo rapporto prezzo/prestazioni, si è lanciata nella produzione di vaschette tubolari lanciando ormai da tempo il modello Balancer; affermarsi in questo settore non è affatto facile soprattutto per i modelli di marche concorrenti (EK ad esempio) consolidati già da tempo, ma la Balancer ha una caratteristica forte che magari i concorrenti non hanno, ovvero il prezzo decisamente più basso.
In questo articolo si andrà ad esplorare la Balancer sulla base di 2 mnodelli arrivati al lab, ovvero la 250 Black Nickel e la 150 Silver Nickel di cui si analizzeranno le feature e il comportamento a regime.

panoramica phobya balancer


Dal sito del produttore si riportano le caratteristiche tecniche di entrambe le taglie della Balancer (che si ricorda essere disponibile in 3 diverse taglie di altezza e tre diverse colorazioni: 150 ovvero 15cm, 250 ovvero 25mm e 450 ovvero 45cm, mentre per le colorazioni sono disponibili la Black Nickel, la Silver Nickel e la Gold Plated).

Phobya Balancer 150 Silver Nickel

- Realizzata con corpo centrale in plexiglass e terminali in ottone nichelato
- Montaggio verticale ed orizzontale
- 5 Connessioni da 1/4"G
- Altezza di 150mm e diametro di 50mm
- Peso di circa 517g
- Dotata di 3 tappi da 1/4"G e di 2 bracket di supporto in POM nero (peso di 30g cadauno)
- Testata individualmente ad una pressione di 2 bar

Phobya Balancer 250 Black Nickel

- Realizzata con corpo centrale in plexiglass e terminali in nichelato
- Montaggio verticale ed orizzontale
- 5 Connessioni da 1/4"G
- Altezza di 250mm e diametro di 50mm
- Peso di circa 816g
- Dotata di 3 tappi da 1/4"G e di 2 bracket di supporto in POM nero (peso di 30g cadauno)
- Testata individualmente ad una pressione di 2 bar


La Balancer si presenta in una confezione accattivante di cartone colorato, dove su 2 dei 4 lati lunghi si trovano un'immagine della vaschetta con il nome del modello e sugli altri alcuni informazioni (garanzia, origine della produzione, codice a barre, ecc.) e il logo Phobya, che ritroviamo su top e bottom della scatola; su un lato sono anche riportate le specifiche teniche principali della vaschetta in 3 lingue differenti.

confezione 1 phobya balancer

confezione 2 phobya balancer aaconfezione 3 phobya balancer

All'interno della confezione si trova il bundle, identico per entrambe le vaschette e composto da una bustina di plastica contenente una coppia di bracket in POM nero per sostenere la vaschetta, un'altra bustina contenente 3 tappi da 1/4"G placcati e due viti con testa esagonale con relativi bulloni (in black o silver nickel a seconda della versione) ed infine la vaschetta vera e propria, molto ben protetta da uno strato di materiale spugnoso sul corpo centrale e da altri "quadrati" e forati al centro ideali per attutire eventuali colpi; un imballo sciuramente molto ben fatto.

bundle 1 phobya balancer

bundle 2 phobya balancer    bundle 3 phobya balancer    bundle 4 phobya balancer

I bracket in POM dotati di apposita vite e bullone consentono di montare la vaschetta per operare sia in verticale che in orizzontale, con una foratura centrale per consentirne il montaggio sul supporto.
I tappi sono tutti dotati di oring interno, nichelati insieme a viti e bulloni del colore della versione in esame; il bundle risulta quindi discreto, lasciando all'utente il compito di dotarsi dei raccordi che meglio si adattano alle proprie esigenze.


Rimosse le vaschette dall'imballo, ecco come si presentano.

panoramica phobya balancer

La prima cosa che si nota guardando le vaschette sono le imperfezioni nella lavorazione, che non sono poche ma è doverosa una premessa: sul Aquatuning è specificato chiaramente nella descrizione del prodotto come riportato in basso.

"Please note: On items in this price category slight scratches on the surface cannot be avoided at all times for manufacturing reasons. These may be reduced or even removed by polishing."

Soprattutto per il modello 250 Black Nickel, la nichelatura non sembra un granchè e presenta molte macchie, anche se la gran parte di queste è facilmente rimovibile con un panno umido e una successiva asciugatura (operazioni che comunque non ci si aspetta di compiere dopo aver estratto un prodotto dalla sua scatola).
Sono presenti anche alcuni graffi sia sui componenti nichelati che sul corpo centrale in plexiglass, ma non sono particolarmente visibili; d'altra parte la vaschetta denota un'incredibile solidità soprattutto per la scelta dei materiali utilizzati (ottone nichelato per top e bottom e plexiglass per il corpo centrale), rimanendo sul classico come dimensione del diametro, pari a 50mm.
Andando ad aprire le vaschette però i problemi continuano, visto che non risulta molto agevole svitare i vari componenti tra di loro per via di una filettatura non proprio precisa oltre che per piccole scheggiature della stessa per i componenti in ottone, in particolare sul bottom; questo rende difficoltosa non solo il disassemblaggio ma anche lo stesso riassemblaggio dopo, ad esempio, una futura operazione di pulizia, senza contare i residui di plexiglass che si creano internamente durante questa operazione.
Oltre a questo, per il modello 150 Silver Nickel sono state riscontrare anche delle imperfezioni interne nella nichelatura, che in alcuni punti risulta quasi assente e/o in altri da l'impressione che ci sia un fenomeno di ossidazione, come visibile nella foto sottostante relativa ai top.

top phobya balancer   bottom phobya balancer

Per quanto riguarda le feature, sia top che bottom possiedono un oring circolare sotto la filettatura per garantire la tenuta complessiva della vaschetta; il top possiede una singola connessione da 1/4"G utilizzabile come fillport o come connessione di ingresso/uscita del liquido (rendendo vana però l'efficacia dell'anticiclone), mentre il bottom possiede 4 fori da 1/4"G che consentono una grande scelta delle connessioni di ingresso/uscita dando spazio anche alla personalizzazione nell'utilizzo di quelle rimaste da coprire (di default con i tappi forniti di serie, ma volendo è possibile utilizzare termometri o luci con connessione da 1/4"G).
L'anticiclone è alto circa 45mm e presenta nella sua parte alta 3 forature ovali lunghe circa 18mm e larghe 6mm, realizzato sempre in ottone nnichelato ed integrato completamento al bottom della vaschetta; come è visibile dalla foto di destra in basso l'anticiclone della Balancer 250 Black Nickel è parecchio inclinato rispetto alla base invece di essere perfettamente perpendicolare.

dettaglio 1 bottom phobya balancer   dettaglio 2 bottom phobya balancer

Il corpo centrale è realizzato in plexiglass e presenta uno spessore di 5mm con un diametro pari a 50mm per tutti i modelli della Balancer; nulla di particolare da segnalare a parte i leggeri graffi segnalati precedentemente.

corpo centrale phobya balancer

Rimontati i 3 componenti si è passati all'analisi sul campo di entrambi i modelli.


La vaschetta è stata testata in posizione verticale seguendo la solita metodologia di test corrispondente; sempre medesimo il loop, composto dalla PD31, il flussimetro e la vaschetta in esame; data la vastità delle connessioni si sono utilizzate due posizioni diametrali, in particolare quelle presenti sul lato e non sul fondo del bottom.
Per prima cosa è stato analizzato il comportamento della Balancer di entrambe le taglie in fase di riempimento, che risulta molto agevole grazie al bottom filettato rimovibile; per quanto riguarda il funzionamento a regime invece, nelle prime fasi inziali la Balancer si comporta come un'ottima vaschetta tubolare riuscendo a far arrivare senza problemi l'acqua alla pompa, ed eliminando poco a poco l'aria all'interno del loop grazie all'azione dell'anti-vortice.
Quest'ultimo però non svolge al pieno il suo lavoro solamente a portate molto elevate, più o meno oltre i 2 GPM, non riuscendo ad eliminare il ciclone interno che si crea e che potrebbe portare al reinserimento di bolle d'aria all'interno del loop: si parla comunque di portate molto elevate difficilmente raggiungibili in un impianto comune.
In basso è riportato un video circa il funzionamento della Balancer 250, mentre della sorella minore si può dire la stessa cosa di sopra con l'unica eccezione che il ricircolo dell'aria che si trova nella parte alta della vaschetta diventa possibile anche a portate inferiori (sopra gli 1,5 GPM).

Successivamente è stato effettuato il consueto test della portata ed i risultati ottenuti sono stati i seguenti.

Phobya Balancer 150 Silver Nickel

Dati 1 phobya balancer 150

Dati 2 phobya balancer 150

Dati 3 phobya balancer 150

Phobya Balancer 250 Black Nickel

Dati 4 phobya balancer 250

Dati 5 phobya balancer 250

Dati 6 phobya balancer 250

I dati rilevati hanno portata alla costruzione della seguenti curve caratteristiche.

Phobya Balancer 150 Silver Nickel

PSI --> LPH

Grafico phobya balancer 150 

Phobya Balancer 250 Silver Nickel

PSI --> LPH

Grafico phobya balancer 250 

Infine si sono comparati i risultati ottenuti dalle 2 Balancer a quelli delle vaschette testate nel lab fino a questo momento.

Grafico comparativo phobya balancer 

Si evince facilmente che la Phobya Balancer risulta una vaschetta mediamente poco restrittiva per entrambe le misure testate, segnando valori molto simili a quelli riscontrati con la tubolare di casa EK.


Difficile esprimere un giudizio complessivo sulla Balancer soprattutto a causa dei lati positivi a cui si contrappongono fortemente a quelli negativi.
La presentazione risulta discreta, con la ormai collaudata confezione in cartone graficata che contiene il prodotto ben imballato insieme al discreto bundle; ottima la scelta dei materiali che rende la vaschetta un prodotto solido, peccato però per le numerose imperfezioni nella lavorazione, dai piccoli graffi sul corpo centrale in plexiglas a quelli dei componenti in ottone ossidati o non nichelati in alcuni punti, o con l'antivortice storto e con le filettature non precise.
Le feature sono invece ottime: l'anticiclone, ancorato direttamente al bottom della vaschetta, svolge più che discretamente il suo ruolo, le 5 connessioni da 1/4"G garantiscono un'ottima personalizzazione per la scelta dell'IN/OUT ed il funzionamento delle vaschette a regime è ottimo, oltre a garantire un rimepimento agevole.
Anche la restrittività risulta ottima segnando valori mediamente bassi, ma cosa ancora più importante è il basso prezzo a cui viene venduta: la Balancer è infatti disponibile a partire da 24,99€ per il modello 150 e 29,99€ per quello 250, decisamente sotto il prezzo delle vaschette tubolari della concorrenza.

Nome prodotto PRO CONTRO Award Tecnici
Award prestazionali
Phobya Balancer 150/250 Black e Silver Nickel

+ Buona presentazione e bundle discreto
+ Ottimi materiali utilizzati
+ Supporti solidi ?
+ 5 connessioni da 1/4"G
+ Anticiclone di serie incorporato nel bottom
+ Riempimento agevole
+ Ottimo comportamento nell'eliminazione dell'aria
+ Bassa restrittività
+ Prezzo molto competitivo rispetto alla concorrenza

- Numerosi difetti nella lavorazione
- Turbolenza interna a portate non troppo elevate (modello 150)
ct bronze technical

ct best value

Si ringrazia la Aquatuning nella persona di Andreas Walter per averci fornito i sample oggetti della recensione.

Commenti sul forum.